Cosa vedere a Perugia: i luoghi da non perdere della città umbra

Cosa vedere a Perugia: i luoghi da non perdere della città umbra

Ecco una breve guida su cosa vedere a Perugia e dintorni in un mezza giornata o in un fine settimana nel capoluogo umbro.

Cosa vedere a Perugia

Piazza IV Novembre e Fontana Maggiore

Una cosa da vedere a Perugia in mezza giornata è senza dubbio la centralissima Piazza IV Novembre, il salotto buono della città. Sulla piazza, sede dell’antico Foro Romano ma di impianto medievale, si affacciano alcuni dei più importanti edifici storici perugini, dal Palazzo dei Priori alla Cattedrale di Perugia. Al centro del centro, si trova la spettacolare Fontana Maggiore, simbolo della città di Perugia: si tratta di una delle più belle fontane italiane. Progettata nel Duecento da Nicola e Giovanni Pisano, è in pietra rosa e bianca, sormontata da una vasca in bronzo. Le 50 formelle intorno alla base raffigurano episodi biblici, scene contadine, fiabe e altro.

Palazzo dei Priori e Collegio del Cambio

Il gotico Palazzo dei Priori era il palazzo pubblico della città, sede in passato (e in parte ancora oggi) del Comune di Perugia. Proprio per questo motivo è senza dubbio una cosa da vedere a Perugia in mezza giornata. È uno dei migliori esempi di palazzi medievali di questo tipo in Italia. Lo spettacolare esterno vale l’interno: la Sala dei Notari, con archi e soffitto a cassettoni, è riccamente affrescata, mentre la Sala del Consiglio vanta un affresco del Pinturicchio. Nel Palazzo dei Priori si trova anche il Collegio del Cambio, antica sede della corporazione dei banchieri di Perugia. La Sala delle Udienze, affrescata fra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento, è il capolavoro del Perugino e uno dei migliori esiti della pittura italiana quattrocentesca. Alcune parte degli affreschi sono state completate da uno dei suoi allievi tra i quali spicca Raffaello.

Cattedrale di San Lorenzo

Dal lato opposto di Piazza IV Novembre si trova la Cattedrale di San Lorenzo, il Duomo della città di Perugia. Progettata all’inizio del Trecento da Fra Bevignate, la Cattedrale non fu mai completata: questo spiega il particolare aspetto della facciata e delle mura laterali, che rivelano ancora ganci portanti pensati per fissare un successivo rivestimento in marmo, mai aggiunto. Una cattedrale… nuda, in un certo senso!
Curiosamente, la facciata non si trova sul lato di Piazza IV Novembre, su cui corre invece il muro laterale, ma sulla vicina Piazza Danti. Il portale è barocco, e nel chiostro è possibile visitare il bel Museo Capitolare.

Galleria Nazionale dell’Umbria

Dentro il Palazzo dei Priori, all’ultimo piano, si trova la Galleria Nazionale dell’Umbria, il più completo museo dedicato all’arte umbra e dell’Italia centrale. Raccoglie opere d’arte dal XIII al XIX secolo, in 40 sale espositive. Tra le migliori opere ne troviamo alcune di Duccio di Buoninsegna, Piero della Francesca, Pinturicchio, Beato Angelico, Benozzo Gozzoli e, naturalmente, del Perugino.

Rocca Paolina

La Rocca Paolina è una fortezza voluta da Papa Paolo III e per la sua costruzione fu abbattuto l’antico borgo di Santa Giuliana. La fortezza, il simbolo del potere papale sulla città di Perugia, fu poi distrutta, ricostruita e ancora distrutta quando il Regno Pontificio divenne parte del neonato Regno d’Italia. Oggi i resti inglobano parte del centro storico, una specie di città sotterranea nella città, e sono visitabili accedendo da Porta Marzia (un’antica porta etrusca) o da Piazza Partigiani, attraverso un percorso di scale mobili.

Basilica di San Domenico

L’imponente struttura squadrata della Basilica di San Domenico e del suo campanile è difficile da non notare, e domina il profilo di Perugia anche da lontano. Di impianto gotico, la grande chiesa ha subito numerosi restauri, e parte dei suoi arredi è stato depredato nel corso della storia. Merita comunque una visita, per ammirare gli affreschi, la grande vetrata, l’organo e alcuni pregevoli monumenti funebri, fra cui quello di papa Benedetto XI.

Pozzo Etrusco

Perugia ha anche un ricco passato etrusco da raccontare ai visitatori: un ottimo esempio è il Pozzo Etrusco, o Pozzo Sorbello, nel centro storico (si accede da Piazza Danti). Si tratta di un pozzo risalente al III secolo a.C., profondo 36 metri e scavato nella roccia. È visitabile… se non soffrite di claustrofobia! La breve discesa nelle profondità della terra è anticipata da un video che spiega la storia e le raffinate tecniche di costruzione del pozzo.

Cosa vedere a Perugia e dintorni

Museo Storico Perugina e Casa del Cioccolato

E cosa c’è da vedere a Perugia se non la più celebre fabbrica di cioccolato d’Italia? Stiamo parlando della Perugina e del suo Museo storico. Il museo, che si trova a San Sisto, a qualche chilometro da Perugia, ripercorre oltre un secolo di storia del celebre cioccolato, fra fotografie d’epoca, attrezzature e dettagliate spiegazioni sulle varie fasi di lavorazione del cacao. L’esperienza può essere completata con una visita alla fabbrica, o con un laboratorio alla Scuola del Cioccolato. E, sì: ci sono gli assaggini.

Ipogeo dei Volumni e Necropoli del Palazzone

Si tratta di una cosa da vedere nei dintorni di Perugia, a solo 5 chilometri dal centro del paese, in località San Giovanni. Qui si trova una delle più affascinanti memorie etrusche della città umbra. L’Ipogeo dei Volumni è una tomba sotterranea risalente alla seconda metà del II secolo a.C. Vi si accede attraverso una ripida scalinata che scende nel sottosuolo, ed è articolata in più ambienti dove sono state ritrovate iscrizioni e varie urne decorate, in marmo travertino. L’Ipogeo è parte dell’area archeologica della più ampia Necropoli del Palazzone, costituita da quasi 200 tombe.

Lago Trasimeno

Un’altra cosa da vedere nei dintorni di Perugia è il Lago Trasimeno, il più grande lago dell’Italia centrale e il quarto per dimensioni di tutto il Paese. Dista appena una mezz’ora in macchina dal centro di Perugia, ed è perfetto per una gita in giornata con i bambini, con cestino da picnic al seguito. Se il tempo lo permette, si può fare il bagno: ci sono spiagge a Castiglione del Lago, Tuoro al Trasimeno, Magione e Passignano sul Trasimeno. Altrimenti, la strada costiera che circonda il Lago è piena di deliziosi borghi medievali da visitare, e di bei paesaggi che scorrono dal finestrino

Chiudi il menu