Al momento stai visualizzando Passaggio proprietà auto: alcune cose da sapere

Passaggio proprietà auto: alcune cose da sapere

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Business

L’atto di trasferire la proprietà di un’automobile è una pratica amministrativa comune. Per completare questa operazione, è fondamentale richiedere una Visura PRA (Pubblico Registro Automobilistico), che fornisce informazioni cruciali sul veicolo e sui suoi attuali proprietari registrati presso l’ente competente.

Prima di procedere con il passaggio proprietà auto, è essenziale eseguire una visura al fine di verificare la conformità del veicolo e accertarsi di aspetti cruciali, come la responsabilità civile in caso di incidenti o furti, nonché le imposte da corrispondere.

Tuttavia, è importante tenere presente che le Visure PRA dell’Automobile Club Italia (ACI) sono disponibili solo per i veicoli registrati nel database giuridico stabilito dalla legge n. 187 del 1990.

Inoltre, ci sono altre cinque informazioni di cui devi essere necessariamente a conoscenza prima di avviare questa procedura burocratica. Esaminiamole con attenzione!

Costi da sostenere

Come è evidente, il trasferimento di proprietà di un’automobile comporta delle spese. Di solito, si devono affrontare i seguenti pagamenti:

  • Una tassa amministrativa di 27 euro presso l’Automobile Club Italia (ACI).
  • Un’imposta di bollo di 32 euro per la registrazione dell’atto di compravendita presso il Pubblico Registro Automobilistico (PRA).
  • Diritti di 10,20 euro da pagare presso l’Ufficio della Motorizzazione Civile.
  • Un costo di 16 euro per l’aggiornamento del Libretto di Circolazione.

È essenziale tenere presente che il passaggio di proprietà dell’auto è un obbligo di legge. Violare queste norme o non effettuare i pagamenti sopra indicati può comportare una multa significativa, con importi che vanno da circa 700 euro a oltre 3000 euro, in base a quanto stabilito dall’articolo 94 del Codice della Strada.

Documenti richiesti

Oltre al pagamento delle tasse, per completare il trasferimento di proprietà, è necessario presentare alcuni documenti essenziali, tra cui:

  • Il libretto di circolazione, che è indispensabile per consentire la circolazione del veicolo e viene rilasciato presso l’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile.
  • Un Certificato di Proprietà Digitale (CDPD), rilasciato dal PRA, che attesta lo stato giuridico attuale del veicolo.
  • Il codice fiscale e la carta d’identità dell’acquirente.
  • Il documento d’identità del venditore.
  • Un modello di autocertificazione TT2119.

Questi sono i documenti fondamentali, ma potrebbero essere richiesti ulteriori documenti a seconda delle circostanze specifiche.

Identificazione dei proprietari precedenti

Prima di avviare il processo di cambio di proprietà di un’automobile, è fondamentale individuare i suoi precedenti proprietari.

Puoi completare questa operazione in autonomia effettuando una ricerca online, che ti fornirà un elenco di informazioni riguardanti il proprietario attuale e tutti coloro che si sono susseguiti nel corso del tempo, a partire dalla prima registrazione del veicolo fino a data odierna.

Individuare i veicoli registrati

Come già menzionato, consultare la visura PRA è un passo cruciale per ottenere informazioni sulle caratteristiche di un veicolo. Questa procedura può essere eseguita comodamente online, attraverso l’archivio del PRA. Esistono vari siti web che offrono assistenza in questo ambito, tra cui Tutto Visure, considerato uno dei migliori in circolazione da diversi anni.

Effettuando questa pratica da casa, eviterai di doverti recare fisicamente presso gli uffici del PRA. Inoltre, tenendo conto della situazione legata al Covid, potrebbe essere difficile accedere a tali uffici o potrebbero offrire un servizio limitato al pubblico.

Ottenere informazioni attraverso la targa

Se desideri acquisire informazioni tecniche sul veicolo e sul suo proprietario attuale, ti suggeriamo di effettuare una ricerca tramite la targa dell’auto. In questo modo, potrai accedere a dettagli riguardanti aspetti come leasing, finanziamenti, blocchi amministrativi e altro ancora. È importante sottolineare che questa procedura si applica esclusivamente alle automobili registrate nel sistema online del Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e non a altri tipi di veicoli. 

Qualora la targa risultasse assente nel sistema online, sarà necessario richiedere informazioni tramite l’archivio cartaceo.